Castello di Burgiomilluso

La torre del castello di Burgiomilluso, oggi ridotta a un frammento a causa del terremoto del 1968, è l'ultimo brandello superstite dello storico edificio.

E' tradizione storiografica far risalire la fondazione del maniero al 1239, anno in cui Federico II Hohenstaufen con una lettera da Lodi ordinava la costruzione di una habitationes nella terra demaniale di Burgiomilluso per ripopolare il territorio precedentemente abitato dai Musulmani.

La torre era costituita da due corpi quadrangolari addossati, con pianta a forma di ottagono irregolare, e si sviluppava su quattro piani collegati fra loro da una scala a chiocciola. Interessanti si presentavano le volte costolonate dei due ambienti di primo piano: la prima con nervature a sezione trapezoidale, la seconda ad ombrello divisa in otto veli a spigoli vivi e altrettanti costoloni che si irradiavano, simmetricamente, dalla chiave centrale.

Oggi la torre ricostruita su progetto di Vittorio Gregotti, reso esecutivo nel 1987, ricalca l'antica volumetria dell'originario edificio lasciando nelle nuove mura un fornice che contiene i resti del basamento dell'antica torre del castello di Burgiomilluso.